Chi mi facisti fari

2017-11-16T15:14:00+00:00 16 11 2017|...e l'italiano ride|

Non c’è ragione non si trova il torto
più mi struggo e più mi sento strutto
penso al rapporto tra la gallina e il porco
che c’è nell’uovo con il prosciutto
Ciascuno ci mette qualcosa
chi si fa più chi si fa meno male
ciascuno ci mette del suo
ma non per tutti è uguale

Avevo un’auto vecchia e mi piaceva
la ho venduta per farci tre canzoni
suonate in fretta risicando i costi
finché arrivano i nostri
certamente i buoni
e spendono belle parole
come il sole all’alba un rosso d’uovo puro
ma il tempo no non è ancora maturo
e intanto sono a piedi
per arrivare fin lì se mi vedi

Amuri amuri chi mi facisti fari
cosi d’impazziri
pigghiavu la me vita e lu me cori
e ti li vinni a dari
mischinu sugnu e accussì sulu ti pozzu diri
affàcciati e talìa comu si mori

Già prima del caffè c’è qualche cosa
una voce la frattaglia d’un giornale
che s’intromette che ricorda oziosa
pure oggi si fa la festa al maiale
e c’è sempre chi mette parole
e tira fuori l’uovo dal posto giusto
con un gusto che quasi non credi
quanto siamo a piedi
e rimaniamo così a cantare

Amuri amuri chi mi facisti fari
cosi d’impazziri
pigghiavu la me vita e lu me cori
e ti li vinni a dari
mischinu sugnu e accussì sulu ti pozzu diri
affàcciati e talìa comu si mori

mischinu sugnu e accussì sulu ti pozzu diri

affàcciati e talìa comu si mori

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: