Ecco

2017-11-16T15:49:57+00:00 16 11 2017|Ecco|
Ecco

Ecco
al fare minaccioso di un temporale estivo
riparo i miei pensieri sulla carta e allora scrivo
del fiume limaccioso che non ha più corrente
ma lentamente porta via quanta più gente può
Ecco
è tutto nero fuori, tempo di vecchie glorie
di antichi paradisi e nuovi purgatori
storie di piani superiori di attese disattese
di ideologie e valori cattive storie
di calcoli e profitto e nulla sembra scritto
invece è qui
Ma ho capito e t’ho visto chiaro
scagliare il lampo per garantirti il tuono
lo sai bene che vien buono il terrore che fa
e preparare il campo per la grandine e la battaglia
nostro nome è canaglia si sa
Ecco
il fuoco e il manganello e col bronzo sulla faccia
e la voce disarmata di un fratello è una minaccia

Ecco
rigurgita il canale detriti e disonore
il fango della propaganda di un presentatore
e la città civile liberata nel cortile
a razzolare in questo assurdo temporale
che ieri è come fosse ancora, ritorna come ora
e stritola i pensieri e come ieri
di nuovo è buio fitto e nulla sembra scritto
invece è qui
Ma ho capito e t’ho visto chiaro
scagliare il lampo per garantirti il tuono
lo sai bene che vien buono il terrore che fa
e preparare il campo per la grandine e la battaglia
nostro nome è canaglia si sa
Ecco
la forza del più vile si dà senza ritegno
e là dove non sa lasciar parole lascia il segno

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: