Migranti

2017-11-16T17:16:59+00:00 16 11 2017|Nebbia di idee|
Nebbia di idee

Sarà quest’aria o questo cielo azzurro
sarà la nostra storia di formaggi e burro
ma ha cavalcato per i secoli senza le briglie
donando a volti sconosciuti fratelli e figlie
E con un po’ di pepe sulla coda e un po’ di vino nero
vele tracciarono l’immensità di un cielo intero
su navi cariche di uomini senza antenati
uomini senza futuro forse mai nati
Noi scaricati in porto come un carico di rane
per la paura di chi non aveva ormai più fame
braccia e miseria comperate a buon mercato
eredità, lascito annunciato
Pozze di fango e cuori senza dolore
mille dialetti e ad ogni voce un santo protettore
ma allora è vero che in questo il mondo è sempre uguale
e rende pane al pane e fiele al fiele

Jesce sole jesce e nun te fa’ cchiù suspirà
ammesca ‘o sang’ a sti parole nove
jesce sole ce ‘ntussecammo ‘e nire e vu cumprà
ma poi ‘a nuttata nun passa maje

Sarà quest’aria o questo cielo azzurro
saranno questi tempi duri come il ferro
di cuori etruschi e di cadaveri riesumati
dei loro cimiteri ben recintati
a separare il chiaro dallo scuro
il presente dalla memoria e dal futuro
ma non c’è un’anima su questa terra che possa dire
io sono l’immobilità sono il finire

Jesce sole jesce e nun te fa’ cchiù suspirà
ammesca ‘o sang’ a sti parole nove
jesce sole ce ‘ntussecammo ‘e nire e vu cumprà
ma poi ‘a nuttata nun passa maje
ma poi ‘a nuttata nun passa maje

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: