Portati da un fulmine

2017-11-16T23:18:00+00:00 16 11 2017|Il senno del pop|

Cosa potrà cambiare se ciò che cambia non è che
altra acqua in mezzo al mare, ricordi a spigolare il tempo
di un cuore che credevo vela invece è vento

Vento maggiolino che fa gli occhi a calamaro
dallo scrigno del mattino schiude l’innocenza al divenire
o mostra già la fine a chi sta per partire

Ci si immagina ci si illumina ci si sente così vicini
colpiti da un fulmine

Mi domando quando stando qua
se rimando quando tornerà

Allungati i pantaloni, più stoffa maggiore età
consapevoli emozioni e l’ago della bombola in riserva
la lava del vulcano insegue l’erba

Erba profumata e menta terra da terrazzi ormai
l’occhio che non si accontenta
la prima precisione frattura il cuore
l’affanno l’estasi il dolore

Ci si agita ci si stimola ci si sente così invincibili
portati da un fulmine

Mi domando…

Giancarlo Bianchetti: chitarre – Mirco Menna: chitarra, voce – Camilla Missio: basso – Maurizio Piancastelli: fiati – Roberto Rossi: batteria, percussioni
testo e musica: Mirco Menna, Paolo Nanni

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: